info@concormedia.it info.concormedia@pec.it +39 06 36002517 Area riservata

La promozione “MEDIAZIONE CONGIUNTA -50%” non ha uno scopo commerciale ma sociale.

Concormedia, infatti, partendo dall’analisi dei dati forniti dal Ministero della Giustizia e dall’esperienza oramai decennale maturata nel settore, ha deciso di rendere la mediazione più accessibile, anche sotto il profilo economico, sia alle parti che agli avvocati di comprovata esperienza che, come noi, credono nella mediazione come valido ed efficace strumento di pacificazione tra le parti e come mezzo leale, trasparente e non contenzioso per giungere in tempi  rapidi alla definitiva e reciproca soddisfazione degli interessi dei propri clienti.

Sappiamo dalle statistiche del Ministero che il trend di partecipazione alla mediazione è in costante aumento e che la percentuale di casi che vedono comparire l’aderente si assesta, oggi, intorno, al 50,2%. Gli avvocati si trovano quindi sempre più spesso impegnati a partecipare alle procedure di mediazione, alcune volte presso l’Organismo da loro scelto, altre volte presso l’Organismo individuato dalla controparte.

La scelta dell’Organismo è tuttavia un momento molto importante se si considera che, stando alle statistiche pubblicate dal Ministero della Giustizia relative al 2018, la percentuale di accordi è più alta presso gli organismi di mediazione privati (49,4%) e quelli istituiti presso gli ordini professionali diversi dagli avvocati (dove si arriva al 62,2% sebbene su un numero di procedimenti definiti di 567), mentre è più bassa per gli organismi di mediazione costituiti presso gli ordini degli avvocati (38,1%).

Riteniamo, pertanto, che sia una scelta saggia e di buon senso accordarsi preventivamente, quantomeno, sull’Organismo di mediazione al quale affidare la gestione della propria controversia.

Con la promozione “MEDIAZIONE CONGIUNTA -50%”

gli avvocati potranno

depositare congiuntamente l’istanza di mediazione (scarica l’istanza) e pagare solo il 50% delle spese di mediazione (spese di avvio ed indennità del mediatore) dovute in relazione al valore della controversie

chiedere al mediatore di “formalizzare” l’accordo già raggiunto in sede stragiudiziale o giudiziale in un verbale di mediazione, avente efficacia di titolo esecutivo, senza pagare l’aumento del 25% previsto dal D.Lgs 28/2010

Poiché nella mediazione congiunta le parti e gli avvocati hanno già valutato, positivamente, l’opportunità d’intraprendere un percorso di mediazione, la presente promozione si applica alle sole mediazioni che vengono effettivamente svolte e che non si fermano al primo incontro di programmazione.

Scarica l’istanza